sabato 26 novembre 2011


Oberon, per favore, non dire cose cattive su Linux Mint

Io ogni tanto ci penso. Quand'ero piccolo però ci pensavo di più. Pensavo che un giorno avrei cambiato il mondo, poi il tempo passa e il mondo non cambia e se cambia non è grazie a te. Insomma, a volte penso che io stia veramente diventando adulto, non che alla mia età uno dovrebbe avere dubbi a riguardo. Sta di fatto che a me questa cosa non mi piace poi tanto.

No, in realtà il punto è un altro. Avete visto gli screenshots dell'ultima Mint, la 12? Io non voglio fare il cattivo, non con Mint. In passato l'ho consigliata spesso a chi si avvicinava per la prima volta a Linux. La vecchia versione è installata grazie al sottoscritto sul pc di alcuni amici e persino sul pc di mio fratello "piccolo". Non ho alcun pregiudizio su questa distribuzione. Eppure, l'ultima release è stata una mazzata sulla nuca appena sveglio.

Io, spaesato.
Voi direte: -ma come Oberon! Un fan come te di Gnome 3 che parla male di Mint! 
Cavolo sì, è proprio questo il motivo. Quelli, Gnome 3, l'anno preso, l'hanno malconciato, delapidato e ce l'hanno schiaffato davanti. Nè più, nè meno. Io, se fossimo una chiesa o una religione, io, Mint, la scomunicherei. E lo dico veramente a malincuore.

Gnome 3 checchesenedica non è solo un pannello, una dock e una schermata di workspaces adattati alla meglio. Come detto più volte è un concetto, un modo di interpretare l'esperienza utente, una semplificazione dell'interfaccia nell'ottica di centralizzare l'utente stesso. Se tu prendi Gnome 3 e ci metti una taskbar in basso non fai altro che distruggere tutto il lavoro che c'è dietro. Distruggere. 

E badate bene che me la prendo più che altro per i problemi morali e filosofici che comporta il nuovo assetto di Mint; volutamente non tiro in ballo il casino che hanno fatto dal punto di vista del design, della ridondanza introdotta nella gestione delle applicazioni e dei pixel preziosi che hanno rubato a tutti coloro che cercano invece di risparmiarli.

Insomma, una bruttura, una forzatura, un'imprecazione durante il catechismo. Ma non disperate gentili utenti di Mint, a tutto c'è rimedio. Suor vattelappesca mi ha confidato stamane durante i vespri o.O che per essere riammessi al catechismo del sabato pomeriggio vi basterà eliminare le estensioni mint-infernali e cominciare a usare seriamente Gnome 3.

Ora voi arrabbiatevi pure, ma io non potevo resistere un minuto di più senza esprimere il mio personale dissenso a riguardo. Perchè è vero che non sono un tipo religioso ma se lo fossi, se lo fossi... uh, se lo fossi.

blog comments powered by Disqus